Italia-Tunisia, il ponte che crea cooperazione

0
18

Si parlerà di cooperazione economica, di turismo, dei rapporti fra Italia e Tunisia: questi e molti altri i temi che verranno approfonditi dal convegno dal titolo “Cooperazione economica e turismo, dalla storia antica alla transazione democratica. Tunisia: un faro nel Mediterraneo”, voluto con forza dal console onorario di Firenze Gualserio Zamperini che si svolgerà lunedì 14 maggio dalle ore 16 nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio.

Un convegno importante, a cui parteciperà il ministro del turismo della Tunisia Selma Elloumi, a fare gli onori di casa ci sarà il sindaco di Firenze, Dario Nardella, che accoglierà anche l’ambasciatore di Tunisia a Roma Moez Sinaoui, e l’ambasciatore d’Italia a Tunisi, Lorenzo Fanara. Ma non mancherà neppure la senatrice Stefania Craxi, il sottosegretario alla cultura Dorina Bianchi, la vicepresidente della Regione Toscana, Monica Barni e il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani.

Un convegno per fare il punto della situazione attuale ma anche per approfondire i rapporti tra due Paesi che sono sempre più vicini. Per questo, fra i relatori, ci sarà anche il sovrintendente Andrea Pessina, il rettore dell’università di Firenze Luigi Dei, ma anche Giovanni Ottati, presidente di Condindustria Assafrica e Mediterraneo il presidente della Camera italo-tunisina del Commercio e dell’Industria. Il convegno intende ricostruire non solo il contesto storico e culturale del Paese, ma anche e soprattutto mettere in luce una transazione ben riuscita, che ha visto la promulgazione di una Costituzione all’avanguardia in tema di diritti umani e libertà individuali.

“Questo convegno è un passo ulteriore fra le relazioni che da tempo Firenze ha instaurato con la Tunisia, che è un paese dalla grande storia transculturale – ha detto l’assessora Concia –. Insieme all’Italia può costruire un ponte culturale fra l’Europa e il Mediterraneo. In questo convegno cercheremo di mettere in luce come questo collegamento sia già cominciato e quali siano gli sviluppi futuri, fra cui la cooperazione economica e il turismo”. L’attivissimo e impegnato console generale onorario della Tunisia a Firenze, Gualserio Zamperini, ha voluto aggiungere: “Parleremo di un ponte culturale che già è iniziato, e solo per fare alcuni esempi, i cameristi della Scala di Milano faranno un grande concerto al festival internazionale di ElJem. E al museo del Bardo sarà inaugurata a luglio una mostra del maestro fiorentino Luca Alinari”.

 

Fonte: Lanazione.it

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui