Marocco: pronto alla cooperazione con Green Climate Fund

0
25

La definizione di un quadro di cooperazione fra il Marocco e il Fondo verde per il clima (Gcf, Green climate fund) nel settore dell’energia è stata al centro di un incontro fra il ministro dell’Energia, delle miniere e dello sviluppo sostenibile marocchino, Aziz Rabbah, e il direttore esecutivo del Fondo, Howard Bamsey.

Il Gcf è un fondo Onu istituito alla conferenza sul clima di Cancún (COP 16) nel 2010 che si occupa di convogliare risorse finanziarie verso i Paesi in via di sviluppo e catalizzare i finanziamenti privati per il clima. Durante il meeting, Rabbah ha affermato che questa cooperazione accompagnerà l’attuazione della strategia energetica nazionale fornendo sostegno ai progetti dei partner del settore attraverso il rafforzamento delle capacità e la condivisione di esperienze. Nel quadro di tale cooperazione,- ha sottolineato il ministro – sarà preso in considerazione anche il settore minerario, in particolare per quanto riguarda la gestione post-mineraria e il risanamento ambientale.

La questione delle città sostenibili – ha proseguito – rappresenta un terzo asse da mantenere nel quadro di una partnership con il Gcf, con un modello di business dedicato che contribuisca al rafforzamento dell’economia circolare, in particolare nella gestione dei rifiuti. Bamsey, dal canto suo, ha sottolineato che il Gcf è ora l’unico meccanismo finanziario operativo per i progetti in materia di cambiamenti climatici, rilevando che il Marocco è diventato, nel 2017, il primo Paese africano a beneficiare del Fondo.

In considerazione dell’interesse accordato dal Gcf al settore energetico marocchino, si è convenuto – ha precisato – di organizzare seminari con i partner del settore, al fine di chiarire le esigenze e stabilire le richieste da rivolgere al Fondo. Tali seminari – ha aggiunto – fungeranno da spazi di consultazione e diffusione di informazioni sui meccanismi messi in atto per un uso più appropriato dei contributi che potranno essere erogati.

 

Fonte: AGV

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui